Comuni > Santo Stefano Quisquina > L'Eremo di S.Rosalia

Centro Storico ed Eremo di Santa Rosalia

Nel centro storico del paese, ricco di fontane e abbeveratoi da cui sgorga la freschissima acqua dei Monti Sicani, sorgono il settecentesco Palazzo Baronale, e la Chiesa Madre, costruita dai Chiaramonte nel XIV secolo. Fondato nel XIII secolo, Santo Stefano Quisquina è un’altro di quei paesi la cui storia è legata alle vicende di antichi conquistatori arabi, normanni e a nobili famiglie, come quella di Ruggero Sinibaldi e Maria Guiscarda da cui nacque Rosalia: la venerata santa patrona. L'Eremo di S.Rosalia sorge a pochi chilometri dal paese, sul monte della Quisquina, a m. 986, nel cuore di un fitto bosco di querce. Venne eretto nel 1760 presso la grotta dove,secondo la tradizione, visse per 12 anni (dal 1150 al 1162) Rosalia la santa patrona, la stessa venerata a Palermo; fino al 1928 fu sede di una congregazione di frati del tutto autosufficiente : sono ben identificabili il frantoio,la calzoleria,la falegnameria,il granaio,oltre le celle dei frati e la chiesa,risalente alla fine del' 600,e quindi preesistente all'eremo.

Santo Stefano Quisquina

distanza da Agrigento km 70; abitanti 5233; altitudine m. 730

Situato sui  Monti Sicani, in un territorio fertile e ricco di acque, insieme a Cammarata e a S.Giovanni Gemini, costituisce una delle principali porte di accesso alla Riserva Naturale Orientata “Monte Cammarata” : un vero paradiso per chi ama la montagna.
Nel centro storico del paese, ricco di fontane e abbeveratoi da cui sgorga la freschissima acqua dei Monti Sicani, sorgono il settecentesco Palazzo Baronale, e la Chiesa Madre, costruita dai Chiaramonte nel XIV secolo. Fondato nel XIII secolo, Santo Stefano Quisquina è un’altro di quei paesi la cui storia è legata alle vicende di antichi conquistatori arabi, normanni e a nobili famiglie, come quella di Ruggero Sinibaldi e Maria Guiscarda da cui nacque Rosalia: la venerata santa patrona che a lungo visse in preghiera in una grotta nel bosco della Quisquina, dove poi sorse l’Eremo. La Festa di Santa Rosalia, la Festa di S. Calogero, e la Sagra del Formaggio, costituiscono le maggiori manifestazioni di tradizione popolare del paese.

Cosa vedere : RNO Monte Cammarata, Centro storico e Eremo di S.Rosalia alla Quisquina.
Cosa gustare: pane casereccio, funghi, carni, ricotta e i rinomati formaggi dei Monti Sicani.
Prenota Online il tuo Albergo
WebTV
Farm Cultural Park